Assegnati a Reggio Emilia i Premi Anafi 2016

PREMI DI REFERENDUM

Fra i nominativi delle cinquine, a suo tempo sottoposte alla votazione dei soci da parte del Consiglio Direttivo Anafi, sono risultati più votati e pertanto vincenti:

1. Miglior disegnatore:

Ivo Milazzo

2. Miglior sceneggiatore:

Gianfranco Manfredi

3. Miglior autore completo:

Paolo Eleuteri Serpieri

4. Miglior iniziativa editoriale:

Blake & Mortimer – Ed. La Gazzetta dello Sport  (ritira Martina Spignoli)

5. Miglior volume:

Corto Maltese – Sotto il sole di mezzanotte/Ed. Rizzoli Lizard  (ritira Simone Romani)

6. Miglior saggista:

Andrea Sani per Blake & Mortimer. Il realismo fantastico della linea chiara

----------------------------------------------------------------------------------------------------

PREMI DI GIURIA

La Giuria (composta dai soci Anafi: Gianni Brunoro, Silvio Costa, Luigi Marcianò, Luciano Tamagnini, oltre che dal Presidente Paolo Gallinari) ha ritenuto, in base alle relative motivazioni, di attribuire i seguenti premi:

Premio «Rino Albertarelli»(premia il figlio Ario)
[«Ad un disegnatore esordiente affermatosi nel corso dell’anno precedente»]:
Nel 40° anniversario dell’istituzione del Premio Albertarelli, consegnato per la prima volta dall’ANAF a Silver nel 1976 a Bologna, è stato lo stesso Silver a consegnare il riconoscimento 2016. Per essere riuscito, dopo una lunga gavetta professionale, a entrare in un mondo altamente codificato come quello che accompagna le storie di Diabolik, con personalità, freschezza e un tocco originale, a Riccardo Nunziati

Premio «Roberto Reali»(premia la moglie Teresa)
[«Per la valorizzazione della memoria storica del fumetto»]:
Per aver recuperato, per il piacere dei tanti appassionati, un mondo di fumetti e di illustrazioni rimaste un po’ appartate rispetto all’universo grafico del fumetto americano, e per la passione personalissima che vi ha dedicato, a Franco Giacomini

Per aver dedicato, nell’ambito di una nota rivista generalista e politicamente impegnata, uno spazio importante e costantemente presente al fumetto, non relegato in rubriche o vignette riempitive, ma come codice interpretativo della realtà e come efficace mezzo d’informazione, e di comunicazione non solo di notizie ma di emozioni e stati d’animo delle persone nella società contemporanea, pubblicando anche lunghe storie originali complete mai banali, alla Rivista Internazionale  (ritira Valeria Quadri)

Per aver saputo, in oltre 60 anni di attività, realizzare opere di genere vario – dal western al bellico, dalla fantascienza al sentimentale – collaborando con molteplici editori europei ed essere riuscito, negli anni ’70, in maniera intelligente ed elegante, a crearsi un importante spazio nel mondo del fumetto erotico dando vita ad eroine come Biancaneve, Lucifera, Naga, Mona Street ed altre ancora che rimarranno indelebili nella memoria di generazioni di appassionati lettori perché disegnate con raffinatezza e sensibilità senza mai far emergere un erotismo o una sensualità volgare, il Premio alla Carriera va al Maestro Leone Frollo
(premio ritirato dal nipote Piergiorgio)

Per essere riuscito, nella sua lunghissima vita lavorativa di disegnatore, a esprimere con un impegno costante e un disegno poderoso con cui dava alle sue opere un’impronta stilistica di rara bellezza – per non parlare del suo importante ruolo come direttore di edizioni mondadoriane quali Classici dell’Audacia o le collane di Superman e Batman – che va dai suoi indimenticabili primi lavori come Il Fiore Inaccessibile, Il terrore di Allagalla, Sunda e Upasunda, ecc. autentici capisaldi del fumetto italiano, passando per i comic books per gli editori d’oltreoceano, fino all’attuale Martin Mystère realizzato con scrupolosa documentazione, con un tratto del tutto personale e con estrema estetica grafica, all’affettuosa memoria di Enrico Bagnoli  (premio ritirato da Renata Pfeiffer Bagnoli)